DESCRIZIONE

Raffreddore

DESCRIZIONE

Il raffreddore, o rinosinusite virale, è la malattia più diffusa e conosciuta al mondo. Consiste nell’infiammazione virale delle vie aereo-digestive superiori e coinvolge principalmente il naso e la faringe. I bambini piccoli sono la categoria a rischio maggiore e possono prendere il raffreddore anche sette-otto volte in un anno. Gli adulti, invece, sono colpiti in genere da due episodi di malattia all’anno.

Quali sono le cause?

I virus che causano il raffreddore sono più di duecento. Quelli maggiormente diffusi e contagiosi sono gli Irhinovirus. Questi virus entrano nell’organismo attraverso la bocca e il naso: per questo la principale fonte di contagio è rappresentata da starnuti e colpi di tosse da parte delle persone malate, che disperdono nell’aria gocce di saliva infette. Tuttavia, il contagio può avvenire anche attraverso la condivisione di oggetti infetti, come asciugamani, bottigliette di acqua, giocattoli o telefoni.

Quali sono i sintomi?

I sintomi del raffreddore iniziano due o tre giorni dopo l’infezione. La reazione infiammatoria della mucosa del naso comporta una progressiva ostruzione respiratoria-nasale sostenuta anche dall‘iperproduzione di muco, i molti starnuti e l’ eventuale e successivo mal di gola con tosse (faringodinia). La febbre solitamente è assente o molto bassa.

Se i sintomi si prolungano oltre le due settimane significa che il raffreddore si è evoluto in un’infezione batterica. In questo caso, le secrezioni mucose si trasformano da limpide a viscose o giallastre.

Come si cura?

Non esiste una cura, ma solo modi per alleviare o gestire i sintomi aspettando la guarigione, che di solito arriva nel giro di sette-dieci giorni. Gli adulti possono beneficiare di detersione del naso con soluzioni fisiologiche, di analgesici come il paracetamolo in presenza di mal di testa oppure di sciroppi per la tosse. Per i bambini, invece, è sempre bene fare riferimento ai consigli del pediatra.

Gli antibiotici non servono a curare il raffreddore, in quanto la causa è virale e non batterica. Gli antibiotici possono essere prescritti solo nel caso in cui il raffreddore si evolva in un’infezione batterica.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Video correlati