DESCRIZIONE

Eiaculazione retrograda

DESCRIZIONE

Avviene quando il liquido seminale, invece di passare attraverso l’uretra, fa un percorso a ritroso, raggiungendo la vescica. L’orgasmo invece resta normale, anche se molti pazienti vivono l’anorgasmia psicologica, ovvero non vedendo l’immediata fuoriuscita dello sperma pensano di non poter avere l’orgasmo. Lo sperma viene poi espulso dalla vescica insieme all’urina, che appare di conseguenza molto più densa. Non va confusa con il cosiddetto orgasmo secco o aneiaculazione, perché in questo caso non c’è emissione di sperma. Può avere conseguenze importanti come la sterilità.

Quali sono le cause?

È la conseguenza di una disfunzione del collo vescicale, che è una struttura muscolare che si trova alla base della prostata. In situazioni normali il collo vescicale si chiude dopo la fuoriuscita del liquido seminale. Quando non si chiude il liquido può fare un percorso inverso o rimanere all’interno della vescica. In genere dipende da traumi fisici o da deficit di carattere neurologico. Una condizione comune è la neuropatia diabetica. Altre cause possono essere interventi chirurgici alla prostata o l’assunzione di farmaci, come ad esempio la tioridazina, gli antipertensivi e gli alfa-bloccanti.

Quali sono i sintomi?

Il sintomo tipico è quello di non eiaculare o eiaculare molto poco dopo il coito. Nella maggior parte dei casi l’urina dopo l’orgasmo è insolitamente densa proprio per la presenza del liquido seminale.

La diagnosi

Il primo esame a cui sottoporsi è quello delle urine. Si possono prescrivere anche l’ecografia prostatica trans rettale per identificare eventuali anomalie fisiche.

Quali sono le terapie?

La terapia principale è farmacologica. Lo specialista prescrive la somministrazione di imipramina e della pseudo-efedrina. Da studi recenti il 40% dei pazienti con questi farmaci guarisce.

Si può utilizzare anche l’elettroeiaculazione. Qui l’emissione dello sperma è facilitata  dall’inserimento di una sonda all’interno del retto, che è in grado di garantire un’adeguata stimolazione alle vescicole seminali.

(Visited 611 times, 1 visits today)

Video correlati